Informație

Chiesa di San Lucifero


Biserica San Lucifero, sau Biserica Sfântului Lucifer, este o biserică barocă din secolul al XVII-lea și fost templu situat în Cagliari, Sardinia.

Istoria Chiesa di San Lucifero

În perioada creștină timpurie, locul Bisericii di San Lucifero a fost folosit ca necropolă. Prin urmare, la începutul secolului al XVII-lea, zona a fost supusă unor săpături continue în căutarea martirilor care se credeau îngropați acolo. La acea vreme, cei doi arhiepiscopi din Cagliari și Sassari au revendicat ambele titlul de primat al Sardiniei și al Corsei. Așteptarea pusă pe săpăturile de la San Lucifero a fost, prin urmare, de a determina prestigiul mai mare al unui sit față de altul, numărând numărul de „trupuri sfinte” găsite.

În timp ce rămășițele umane au fost găsite pe locul catedralei San Saturnino, printre moaște s-au numărat unele atribuite lui San Lucifer, care au fost mutate în cripta bazilicii. Lucifer de Cagliari a fost episcop de Cagliari în secolul al IV-lea și apărător al ortodoxiei creștine împotriva împăratului roman, Constantinous III.

Chiesa di San Lucifero a fost ea însăși construită în stil manierist între 1646 și 1682, finanțată de municipalitatea din Cagliari. Designul său a ecou catedrala orașului, cu o formă similară de cruce latină și cupolă înaltă.

Chiesa di San Lucifero și mănăstirea și colegiul alăturat au fost ulterior ocupate de frați dominicani, înainte de a trece la trinitarii care au rămas acolo până în 1803. Pe tot parcursul secolului al XIX-lea Chiesa di San Lucifero a fost folosită ca ospiciu și orfelinat, a fost abandonată și mai târziu a devenit un filiala bisericii colegiale San Giacomo. Primul paroh a fost Don Mose Farci, conducând comunitatea până în 1957.

Chiesa di San Lucifero astăzi

Dacă vă aflați în cartierul Villanova din Cagliari, asigurați-vă că faceți o ocolire pentru a admira Chiesa di San Lucifero, situată la o scurtă plimbare de Bazilica San Saturnino. Din exteriorul însorit, puteți admira fațada bisericii, reprezentând stema orașului și simbolul canin al ordinului dominican.

În interior oferă trei capele și naosul unic, decorat cu un impunător altar baroc aurit, care conține o statuie a Fecioarei de Guiseppe Antonio Lonis, cel mai proeminent artist și sculptor din secolul al XVIII-lea din Sardinia.

Cum ajungem la Chiesa di San Lucifero

Când folosiți transportul public în jurul orașului Cagliari, autobuzele 6, 29, 30 sau 31 vă vor duce la stația Dante (ang. Via San Lucifero), la o plimbare de 250 m de Biserica San Lucifero. Cel mai apropiat loc de parcare este la 5 minute de mers pe jos pe Via Grazia Deledda.


La Tradizione racconta di come Lucifero abbandonò il suo stato angelico devenind Satana a causa della sua superbia, del suo desiderio di usurpare Dio.

Questo è avvenuto ancor prima della caduta di Adamo assieme a Eva:
difatti, prima di questi accadimenti nell’Eden, c’era già stato chi aveva provocato la perdizione di altri esseri, superiori all’uomo nell’ordine delle creature concepito da Dio nella Creazione.

Come mai Lucifero si ribellò, portando con sé una schiera di angeli?

Su questo ci sono state many interpretations nella storia che non have mai portato a una answer unanime.

C'è chi sostiene che la causa di tutto ciò fu la rivelazione di Dio rispetto all'unione del Verbo Eterno con la Natura umana: sarebbe stato un affronto per chi si ritiene l'archetipo degli angeli adorare un uomo (seppur figlio di Dio) .

Quel che unisce le interpretations è quanto avvenne succesively.

Scoppiò una guerra in cielo: Lucifero guidava una rivoluzione, accompagnato da una schiera di angeli, contro i disegni del Signore.

Di fronte a questa offensiva, tuonò l’arcangelo Michele “Ce e Deus?”(Chi è come Dio?).

L’arcangelo, comandant delle milizie celesti, guidò controffensiva e sconfisse chi osò scindersi da Dio facendolo scendere nelle tenebre eterne.

Da qui nasce la devozione nei confronti dell’arcangelo Michele, il celeste protettore.

Rappresentazione di San Michele che sconfigge Lucifero nella chiesa di San Michele a Castello

E Lucifero, da angelo “portatore di luce”, divenne principe delle tenebre trascinando cu este o schiera di angeli care osarono afrontare i piani di Dio.

San Michele, che contrappone l’umiltà a la superbia di Lucifero, venne elevato nella più alta gerarchia celeste divenendo il baluardo della Santissima Trinità.

Troviamo riferimenti a Lucifero nell'Antico Testamento in Isaia e in Ezechiele (non esplicito) quando parlando della caduta - rispettivamente - del re di Babilonia e del re Tiro, paragonarono le perfezioni ei fasti di questi sovrani decaduti a quelli del re degli Inferi (Lucifero per la Tradizione).


Chiesa di San Lucifero Vescovo

La chiesa di San Lucifero Vescovo e Santa Maria Maddalena sorge tra i vicoletti di Dorgali, salendo verso la parte alta del paese.

Costruita nel dodicesimo secolo, la chiesa è stata succesivamente extinsă în 1645 cu partea anterioară in stil barocco sardo.

All & # 8217interno si compone di un & # 8217unica navata di tre campate ha la volta restaurata in muratura. L & # 8217altare è il più bello, tra tutti quelli delle piccole chiese dorgalesi, e su di esso sono prezente il simulacro della Madonna dei Miracoli, e quelli di due santi gesuiti, Sant & # 8217Ignazio di Loyola e San Francesco Saverio.

Nei pilastri interni alla chiesa di Santa Maria Maddalena sono vizibili due simboli grafici di probabile origine Templare, con la croce with quattro cerchi, simili come impostazione ai quattro Mori, probabilmente ripresi dal verso del croat, moneta catalana d & # 8217argento creata il 1285 da Pietro il Grande, che nel quattordicesimo secolo era utilizata in Sardegna. All & # 8217esterno, sul lato sinistro the structure è sostenuta da quattro contrafforti.

Difficilmente troverete aperta questa chiesa di Dorgali ma se passerete di qui non possiamo che augurarvi buona passeggiata.


Descriere

La chiesa di San Lucifero prezintă fața, a coronament orizontal, divisa in due nivele per mezzo di una cornice, retta da due paraste angolari with capitelli ionici. Nel livello superiore si trovano un oculo e due aperture rettangolari, mentre nel livello inferioare si dupa il portale, completat in 1692, care si prezinta incorniciato da due colonne di spoglio, di granito, sormontato da una cornice cu volute curve ai lati. Al centru campeggia lo stemma della città. Posati sulle volute, ai lati dello stemma, sono le statue di due cani, simbolo dei domenicani, Bastoane Domini, che officiarono il tempio per lungo tempo.

L'interno presents un'unica navata, scandita da paraste, con tre cappelle intercomunicanti per lato, transetto e abside rettangolare. L'imposta della volta a botte della navata e del transetto è percorsa da una trabeazione in stile classico, decorato a dentelli.

Il presbiterio, costruito sopra la cripta, è sopraelevato e cinto da una singolare balaustra lignea, retta da due leoni dello stesso materiale, posti ai lati della scalinata centrale d'accesso. I gradini della stessa scalinata sono decorati da azulejos. La parete di fondo dell'abside è dominata dalle canne dell'organo, costruito dalla casa "Tamburini" di Crema nel 1961 (tre tastiere e 27 registri).

Nel braccio destro del transetto è collocato l'imponente altare barocco in legno dorato, intitolato alla Madonna del Rimedio, patrona della parrocchia, dove è esposta una statua della Vergine, opera di Giuseppe Antonio Lonis. Nel transetto sinistro si trova la tomba di don Mosè Farci. La prima cappella laterale destra ospita, sub la mensa dell'altare, una statua in marmo bianco, raffigurante san Lucifero giacente, rivestito dagli abiti pontificali, e una tela care raffigura lo stesso santo assiso in cattedra. Oltre a questo, la chiesa custodisce anche altri pregevoli dipinti, come Il martirio dei santi Lussorio, Cesello e Camerino e La Madonna col Bambino tra i santi Lucifero e Domenico e i cinque consiglieri della città, entrambi risalenti alla fine del XVII secolo, di autore anonimo e restaurati nel 2007 & # 912 & # 93.


SĂPTĂMÂNA SFÂNTĂ 2017

În realitatea istorică, Sâmbăta Mare a fost o zi de tăcere și de așteptare a învierii, care a avut loc în primele ore ale Duminicii Paștelui. În jocul pasiunii pascale din Cagliari, în schimb, sâmbătă dimineața este dedicată ceremoniei Su Scravamentu, amânând secvența cronologică reală din motive practice.

La ora 08.30 în parohia S. Lucifero, simulacrul lui Hristos, prevăzut cu brațe articulate, este eliberat de pe cruce de către doi frați ai Confrăției lui Santo Cristo (Sfântul Hristos), ale căror roluri amintesc pe cele ale lui Iosif din Arimateea și Nicodim, și așezat într-o așternut elegant. Ulterior așternutul, acoperit cu un voal subțire de dantelă legat de cele patru colțuri cu arcuri negre, pentru a simboliza închiderea mormântului, este expus în mijlocul bisericii până după-amiaza.

O ceremonie similară are loc la ora 10.00 la Catedrală, ținută de Frăția Nostra Signora della Solitudine. Între timp, în Oratoriul lui Santo Cristo atmosfera s-a transformat deja veselă, în timp ce frații extrag statuia lui Hristos Înviat din nișa ei, iar surorile pregătesc simulacrul Fecioarei Glorioase, îmbrăcându-i părul și îmbrăcându-l cu o mantie albastră, un voal alb și coroana imperială.

La 4.45 p.m. Frăția Nostra Signora della Solitudine se îndreaptă spre districtul Castello pentru ritul S & # 39Interru, în care Hristosul Mort este dus înapoi la biserica S. Giovanni. Un grup de frați a ajuns deja la catedrală până la ora 15.00, pentru a asigura posesia statuii care, altfel, ar trece la capitolul canoanelor. Cel mai important nucleu al acelui cortegiu este Doamna Durerilor. În mod convențional, secvența cronologică în ceea ce privește evenimentele dimineții este reluată din nou datorită copiilor care personifică Sfântul Ioan și Maria Magdalena, care aduc înapoi pe simbolicul Muntele Calvarul trei cuie și coroana de spini. În prezența sicriului, Maria își substituie somptuoasa coroană de argint cu coroana de spini pe care fiul său fusese batjocorit și torturat.

Corpul mort al lui Isus, înfășurat în giulgiu, este apoi însoțit până la mormânt cu o lungă procesiune de noapte pe străzile orașului. În timp ce frații poartă statuie și crucea mare golită, adepții poartă toiagele baldachinului.
În aceleași ore, o altă procesiune traversează străzile din Villanova, cea a Confrăției lui Santo Cristo (Sfântul Hristos), ducând înapoi la oratoriul său așternutul lui Hristos Mort din biserica Sf. Lucifer. Totuși, timpul durerii a trecut. Odată terminată trista procesiune, după o scurtă odihnă, Frăția își începe sărbătorile bucuroase.
La ora 11.45 Hristos Înviat și Fecioara Glorioasă sunt purtați pe scurt în procesiune la parohia din apropiere San Giacomo, unde liturghia de la miezul nopții sărbătorește de la bun început duminica Învierii.

Confraternitatea Nostrei Signore della Solitudine

Su Scravamentu - 10.00, Catedrala Santa Maria

Confraternitatea lui Santissimo Crocifisso

Procesiunea Doamnei Durerilor - 16.30

Chiesa di San Lucifero, piazza San Giacomo, via Sulis, via Garibaldi, via Eleonora d & # 39Arborea, via San Lucifero, Chiesa di San Lucifero, via Sant & # 39Eusebio, via Lo Frasso, via Alghero, via Garibaldi, Portico Romero, via San Domenico, piața San Domenico, via San Giacomo, piața San Giacomo, Chiesa del Santissimo Crocifisso.

Confraternitatea Nostrei Signore della Solitudine

Procesiunea lui Hristos și Doamna Durerilor - Ora 16.45

Chiesa di San Giovanni, via San Giovanni, piazza Marghinotti, viale Regina Elena, piazza Costituzione, piazza Martiri, via Mazzini, via Spano, via De Candia, via Canelles, Duomo, via Martini, via La Marmora, via De Candia, via Spano , via Cima, via Manno, piazza Martiri, viale Regina Elena, via San Giovanni, vico II San Giovanni, via San Giovanni, vico XI San Giovanni, via Giardini, via San Giovanni, Chiesa di San Giovanni


Cartografia e iconografia

La porzione di territorio della città di Cagliari definita dall'area che comprende sia la chiesa e il convento di San Lucifero sia attigua basilica di San Saturno, si poate definire di elevato interesse storico e archeologico non solo per la presenza di costruzioni religiose, ma per la prezenta anche di aree cimiteriali.

La fiorente rete di possedimenti Vittorini in Sardegna ha inizio with the grandi donations effectate a loro favore tra la fine del XII secolo (1090) e i decenni successivi. L’insediamento del priorato nella chiesa di San Saturno fece și che la lor influenza si estese in ampie parti del territorio isolano.

I monaci di San Vittore, provenienti da Marsiglia, experți nella filiera productivă în ramo saliniero e marittimo e ben collocati în interiorul ordinii benedettino, sunt selectați dal Giudice di Cagliari, în acord cu papa, a suport delle azioni di rinascita culturale ed economica dell'isola

(Alberto Boscolo, L’abbazia di San Vittore, Pisa e la Sardegna, Padova, 1958)

L'area in esame era stata già in passato un centro di riferimento per i territori orientali dell'antica Karales romana, presso la basilica passava la via orientale di uscita dalla città ed esisteva (testimononianza in epoca tardo medievale) il Canale di San Saturno ( canal de Sant Sadoru), probabil navigabil și colegiat cu gli approdi lungo la linea di costa allora vicinissima.

Nella necropoli romana di S.Saturno riposano gli Immunes Salinarum, functionari privilegiati operanti in gestione delle saline orientali di La palma, Perda Bianca e Molentargius.

Si configura astfel un compartiment teritorial oriental deja da tempo polarizat și organizat nei raporturi tra saline e città, în timp ce în mijlocul sunt documentate nell’area i mari orti urbani, esterni ai quartieri murati, ma comunque recintati, sorvegliati și stabilmente abitati.

(Marco Cadinu, Urbanistica medievale, Bonsignori, Roma, 2001)

L’area venne inclusa nella cinta muraria della cittadella d’assedio di Bonaria, construita dagli aragonesi in guerra contra il Castello pisano negli anni venti del XIV secolo.

I monaci Vittorini vennero cacciati dalla città nel 1444.

Fu proprio in questa zona che, nel XVII secolo, si accese la febbrile corsa per riportare alla luce i corpi dei martiri di epoca tardo romana che si credeva fermamente fossero stati sepolti qui. Le centinaia di spoglie ritrovate vennero trasferite in Cattedrale, oppure trafugate, ma oggi è difficile stabilire quante fossero implementamente quelle da attribuire all'epoca delle persecuzioni.

Ai primi del '600 la chiesa di san Lucifero abbisognava di urgenti restauri. Fu proprio grazie alla ricerca dei corpi dei martiri che all'attenzione pubblica si rivelò lo stato d'abbandono della chiesa e la volontà di erigere un monument care fosse degno del santo.

L'architetto Perez costruie sulle rovine del sito una nuova chiesa (1646) care inglobò le zone cimiteriali sottostanti și la tomba del santo. I lavori si conclusero tra il 1682 ed il 1692 (portale).

Alla chiesa venne annesso un Convento dei Domenicani che nel 1683 ebbero la concesiunea pentru fondarea unui Colegiu pentru învățământul teologiei.

Nel 1769 (17 giugno) il Collegio venne soppresso dal papa Pio VII e dal re di Sardegna Vittorio Emanuele I e affidato ai Padri Trinitari, provenienti dalla Chiesa di S. Bardilio.

Con Bolla papale del 26 august 1803 venne soppresso l’Ordine dei Trinitari e il Convento venne trasformato in Ospizio dei poveri di San Lucifero.

Tra il 1812 e il 1816 fu ricovero durante la carestia (S’annu doxi) e per i contagiati da un epidemia care inițial se pensă di peste ma poi rivelatasi di tifo.

Nel 1818 l’Ospizio cessa di functionare.

Nel 1826 Carlo Felice fa restaurare il convento e lo destina a Ricovero per orfani.

Nel 1831 è denominato Regio Ospizio Carlo Felice cu lo scopo di istruire e avviare ai diversi mestieri i giovani orfani e diseredati delle province sarde.

Fu dotato di moderni macchinari che consentivano la formarea di fabbri, falegnami, calzolai, sarti, operai tessili e poi tipografi e cordai: peste la producția venită efectuată la vânzare a lor manufatti.

Nel 1854 viene destinato all ’Istruzione Agraria, con annesso podere per le exercitazioni pratiche, il Valdes nella Guida di Cagliari (1902) ricorda che „sul principiu gli alunni were istruiti sul posto e, fra l’altro, furono applicati alla tessitura per cui erauvi in ​​attività many telai alla Jacquard. I giovani erano pure istruiti nell’agricoltura, vendevano il cotone produs nell’attiguo podere, sgranato e filato nell’ospizio. In seguito vennero mandati nelle officine particolari (private)

Lo Spano nella Guida di Cagliari del 1861 indica che in prossimità dell'Ospizio Carlo Felice si trovava lo Stabilimento di Antonio Timon, dove si executivano opere in legno e ferro, carrettoni e sedie, mentre a man sinistra dall'uscita dell'ospizio, nell 'orto attiguo alla chiesa, era prezent un pozitiv artezian 295 metri sottoterra, executat tra il 1841 e il 1851.

L’antico convento di San Lucifero ospita în plus una Scuola Musicale sino al 1871, quando riprende funcția di Ospizio.

Il Corona nella Guida di Cagliari del 1894, rammenta che “si deve all’onor. Cocco Ortu, fin dal 1881, în timp ce funcționează da Sindaco ”, formarea di una Scuola di Arti e Mestieri. Fu inaugurat il 17 noiembrie del 1889 nella sede del Regio Ospizio Carlo Felice, era mantenuta dal governo, dalla provincia, dal municipio, dall'ospizio Carlo Felice, dalla cassa Carlo Felice e dalla società operaia: comprendeva le sezioni dei fabbri meccanici, dei muratori , dei falegnami e un corso preparatorio.

Il Corona al tempo (1894) indica che le macchine non sono încă prezente și care trebuie să fie cu o spesa di 20.000 lire. E ancora dice “sono notevoli il gabinetto di scienze naturali e una vasta sala in cui verrà impiantata l’officina meccanica. Le scuole sono ampie e arieggiate ”.

Il Valdes (1902) dice che “il locale attualmente è tenuto in buon ordine: sonvi i ritratti del fondatore Carlo Felice del Cav. Belly, benefattore, e dei direttori canonici Manunta e D’Arcais. Ha servito alle poche, ma utili e non dispendiose esposizioni sinora tenute in Cagliari delle quali quella del 1883, per le macchine idrovore.

Nel 1907 venne istituita la Regia Scuola Industriale per le industrie meccaniche, electrotecniche e decorative, alle dipendenze del Ministero dell ’Agricoltura, dell’Industria e del Commercio e nel 1931 venne trasformata in Regio Istituto Industriale.

Ai primi del '900, per ospitare le officine, venne realizat un ulteriore corp di fabrica, separat dall'edificiu principal și disposto in corespondență dell'incrocio tra le vie S. Eusebio e S. Lucifero.

Questa struttura, che conserva la sua configurazione originaria, è formata da tre capannoni a pianta rettangolare affiancati, con coperture a due falde sorrette da capriate e orditura in legno di notevole fattura, resi comunicanti fra loro da un cortile intern dal quale si access to piano seminterrato. Oggi non è fruibile e attende urgenti lavori di ripristino.

In seguito ai bombardamenti del 1943 sulla città di Cagliari, anche il complesso di San Lucifero subì notevoli damage.

Nel 1946 divenne sede dell 'Istituto Tecnico Industriale che nel 1964 fu intitolato a Dionigi Scano.

Dal 2006 ospita la sede del Liceo Artistico Musicale di Cagliari „Foiso Fois”.


I riti della Settimana Santa sono l & # 039insieme delle manifestations religiose organizate in diversi luoghi della Sardegna ad opera delle locali confraternite in occasione della Pasqua.

Villanova (Biddanoa in sardo) & egrave uno dei quattro quartieri storici di Cagliari, fondato nel XIII secolo ai piedi del versante est del colle su cui sorge Castello.

Unionpedia è una mappa concettuale o rete semantica organizata come un'enciclopedia o un dizionario. Esso fornisce una breve definizione di ogni concept e le sue relazioni.

Dacă tratați de o mappa mentală în linia gigante care serve come base per gli schemi concettuali, imagini sau sinteze sinaptice. E 'gratuito - liberi, liberi di usare e ogni element o document può fi descărcat. E 'unul instrument, risorsa o di referință pentru lo studio, la ricerca, l'istruzione, la formarea o istruzione care gli insegnanti can use, insegnanti, professori, educatori, alunni e studenti o la scuola per il mondo accademico, a scuola, primaria, secondaria, di mezzo, università, laurea tecnica, college, università, laurea, master o dottorati per documente, relazioni, documente, progetti, idee, documentazione, riassunti, sondaggi o tesi. Ecco la definizione, spiegazione, descriere, o il semnificativ di ogni semnificativ cui ai nevoie de informații, și o listă o un elenco de concetti correlati come appare un glossario. Disponibile in italiano, inglese, spagnolo, portoghese, giapponese, cinese, francese, tedesco, polacco, olandese, russo, arabo, hindi, svedese, ucraino, ungherese, catalano, ceco, ebraico, danese, finlandese, indonesiano, norvegese, rumeno, turco, vietnamita, coreano, tailandese, greco, bulgaro, croato, slovacca, lituano, filippina, lettone, estone e sloveno. Altre lingue presto.

Tutte the information è stato estratto da Wikipedia, ed is available secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Share allo stesso modo.


In questa pagina Vi prezentăm una selezione di strutture alberghiere nei dintorni di Chiesa di San Lucifero Vescovo e Santa Maria Maddalena, da cui se pot accesa direct la placa de prezentare individuală.
In pagina, selectand o localitate & agrave si ottiene una lista di hotel situati nel territorio.

Chiesa di San Lucifero Vescovo e Santa Maria Maddalena

Chiesa di San Lucifero Vescovo e Santa Maria Maddalena (in essa sono presenti i simulacri dei santi gesuiti: sant'Ignazio di Loyola e san Francesco Saverio e la Madonna dei Miracoli). Del XII secolo, ampliata nel 1646 e apartenente al quartiere di Sa Chejedda. Su due pilastri & egrave.

(Le distanze sono da intendersi & quotin linea d'aria & quot.)

Palazzo Doglio

Hotel cu piscină și centru benessere - Restaurant

0,1 Km. da Chiesa di San Lucifero Vescovo e Santa Maria Maddalena
- Dorgali

OpenBB

0,3 Km. da Chiesa di San Lucifero Vescovo e Santa Maria Maddalena
- Dorgali

Regina Margherita

0,5 Km. da Chiesa di San Lucifero Vescovo e Santa Maria Maddalena
- Dorgali

Castello

0,6 Km. da Chiesa di San Lucifero Vescovo e Santa Maria Maddalena
- Dorgali

Hostel Marina

0,7 Km. da Chiesa di San Lucifero Vescovo e Santa Maria Maddalena
- Dorgali

Hotelul Boutique Miramare

0,8 Km. da Chiesa di San Lucifero Vescovo e Santa Maria Maddalena
- Dorgali

Aurora

0,8 Km. da Chiesa di San Lucifero Vescovo e Santa Maria Maddalena
- Dorgali

AeR Bundes Jack Vittoria

0,8 Km. da Chiesa di San Lucifero Vescovo e Santa Maria Maddalena
- Dorgali

Grand Hotel Mediterraneo

0,8 Km. da Chiesa di San Lucifero Vescovo e Santa Maria Maddalena
- Dorgali

La Terrazza

0,9 Km. da Chiesa di San Lucifero Vescovo e Santa Maria Maddalena
- Dorgali

Italia

0,9 Km. da Chiesa di San Lucifero Vescovo e Santa Maria Maddalena
- Dorgali

La Perla

0,9 Km. da Chiesa di San Lucifero Vescovo e Santa Maria Maddalena
- Dorgali

Datorită Colonne

0,9 Km. da Chiesa di San Lucifero Vescovo e Santa Maria Maddalena
- Dorgali

Cagliari Novecento

1,0 Km. da Chiesa di San Lucifero Vescovo e Santa Maria Maddalena
- Dorgali

4 Mori

1,0 Km. da Chiesa di San Lucifero Vescovo e Santa Maria Maddalena
- Dorgali

Le Tre Stelle

1,0 Km. da Chiesa di San Lucifero Vescovo e Santa Maria Maddalena
- Dorgali

Floră

1,0 Km. da Chiesa di San Lucifero Vescovo e Santa Maria Maddalena
- Dorgali

Panoramă

Hotel con piscina & amp Ristorante panoramico

1,5 Km. da Chiesa di San Lucifero Vescovo e Santa Maria Maddalena
- Dorgali

Hotel T

Hotel cu centru benessere & amp Ristorante

1,6 Km. da Chiesa di San Lucifero Vescovo e Santa Maria Maddalena
- Dorgali

Al lui Caesar

1,9 Km. da Chiesa di San Lucifero Vescovo e Santa Maria Maddalena
- Dorgali


Strutture ricettive vicino a Chiesa di San Lucifero Vescovo e Santa Maria Maddalena

ETICHETE:

& rsaquo Albergo vicino Chiesa di San Lucifero Vescovo e Santa Maria Maddalena - Dorgali & rsaquo hotel centro citt & agrave & rsaquo alberghi B & ampB economic & rsaquo albergo con centro benessere & rsaquo SPA hotel con piscina & rsaquo pensione completa & rsaquo prezzi camere hotel ieftin & rsaquo elenco hoteluri Santa Maria Maddalena & rsaquo rezervare hotel online & rsaquo albergo con ristorante


Chiese in Provincia di Cagliari - città di Vallermosa: Chiesa di San Lucifero

Detalii

La chiesa dedicata a San Lucifero, è stata probabil realizată în stil rinascimentale nel XVII secolo. Si trova sulla strada principale del paese. Le giunzioni verticali angolari presentano decorations lapidee. A destra del prospetto, in parte inglobato nella muratura, si erge il campanile cupolato. All'interno l'aula è mononavata e voltata a botte. Presenza di cappelle laterali separate dalla navata prin aperture con archi a tutto sesto.

Semplice facciata cu terminale piatto sovrastato da una croce, è caracterizată dalla prezența unui portale rettangolare sormontat da una lunetta e da un oculo cu vetri policromi.

XVII - XVII (construirea intero bene)

La chiesa dedicată a San Lucifero, realizată în stil rinascimentale, este databilă la XVII secol.


Trasporto pubblico verso Chiesa San Lucifero nell & # x27area di Cagliari

Vuoi scoprire come arrive a Chiesa San Lucifero a Cagliari, Italia? Moovit ti ajuta a găsi traseul mai bun pentru a ajunge la Biserica San Lucifero cu indicații passo dopo passo dalla fermata più vicina.

Moovit fornisce mappe gratuite și indicații live pentru a vă ajuta să navigați în propria cetate. Visualizza orari, percorsi, avvisi e scopri quanto tempo ci vuole per ajunge a Chiesa San Lucifero in tempo reale.

Cerchi la fermata o la stazione mai vicina a Chiesa San Lucifero? Dai un'occhiata a questo elenco di fermate vicine alla tua destinazione: Sonnino (Piazza Gramsci) Dante (Fronte San Saturnino) Cagliari Via Sonnino Leg. Cc Dante (Fronte Via San Saturnino) Cagliari Piazza Repubblica Cagliari Piazza Repubblica-Libreria Cagliari S.Gilla.

Puoi ajunge la Chiesa San Lucifero con Bus, Treno o Tram. Queste sono le linee e i percorsi che hanno fermate nelle vicine - 1, 119, 123, 9118, M (Bus) R (Treno) METROCA (Tram)

Vuoi vedere se c'è un altro percorso che ti porta lì in un momento diverso? Moovit ti ajuta a găsi percorsi o orari alternativi. Ottieni indications for Chiesa San Lucifero facilmente dall'app di Moovit o dal sito web.

Ti permitiamo di effectare the percorso verso Chiesa San Lucifero facilmente, ecco perché oltre 930 milioane de utilizatori, inclusiv utilizatorii la Cagliari, consideră Moovit cea mai bună aplicație pentru transportul public. Non è necesar scaricare un'app solo per i bus o solo per i treni, Moovit va fi a ta unica app care ti aiuteră a găsi busul il tren mai bun disponibil.


Priveste filmarea: Historical Monuments, Cagliari Italy. Basilica di San Saturnino. Chiesa di San Lucifero etc. (Ianuarie 2022).